I 3 piccoli monaci

Stavo girando in bici nei pressi di Kampong-Cham, quando decisi di fermarmi per riprendere fiato e ripararmi dal sole rovente. Mi sedetti all’ombra di un grosso albero, nel cortile di un piccolo convento buddhista, subito destando la curiosità di 3 piccoli monaci. Essi si sedettero di fronte a me e intentammo inutilmente comunicare. Io non parlavo khmer e loro non parlavano inglese…

Fu un incontro breve, forse troppo breve per arrivare a certe conclusioni, ma ci fu una cosa che notai nel loro atteggiamento e nella maniera in cui interagivano tra di loro. Era la gioia e la spontaneità infantile soffocata dall’austerità di un convento.

In Cambogia molte famiglie scelgono di far diventare i propri figli monaci. Spesso non si tratta di una scelta dettata da motivi religiosi quanto dalla consapevolezza che questo sarà forse l’unico modo in cui i loro figli avranno garantita un’istruzione.

Nomad Dummy

Seguimi su Fecebook e Instagram.

Se vuoi fare un viaggio vai su www.nomaddummy.net

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: